Un laboratorio unico per la diagnosi del cavallo

Rhodococcus equi, qPCR - Equigerminal

Rhodococcus equi, qPCR

Venditore
Equigerminal
Prezzo regolare
$62.00
Prezzo di vendita
$62.00
Prezzo unitario
per 
Tasse incluse.

Test dei patogeni 

  • Il test PCR rileva il genoma (DNA) del Rhodococcus equi, il patogeno responsabile della polmonite.

Campione

  • 1 tampone nasofaringeo - tampone asciutto 

Tempo di consegna

  • Da 2 a 5 giorni lavorativi

 

Cos'è la polmonite?

  • Rhodococcus equi, un patogeno intracellulare facoltativo Gram-positivo, è una delle cause più comuni di polmonite nei puledri. Rhodococcus equi è un patogeno molto ben riconosciuto nei cavalli: è una causa comune di polmonite nei puledri di età compresa tra 1 e 6 mesi e l'infezione è talvolta associata anche ad altri problemi come diarree, articolazioni gonfie e ascessi in altre parti del corpo.
  • L'infezione può essere molto difficile da trattare perché i batteri sono in grado di vivere all'interno dei globuli bianchi, il che aiuta a proteggerli dal sistema immunitario del corpo, e perché spesso causano la formazione di ascessi, difficili per gli antibiotici penetrare. L'infezione da Rhodococcus equi nei puledri è stata ampiamente studiata, ma c'è ancora molto che non sappiamo come il corpo si difenda da questo organismo.

Segnali clinici

  • La manifestazione clinica più comune di R. equi nei puledri è la broncopolmonite. I primi segni clinici possono includere solo un leggero aumento della frequenza respiratoria e una lieve febbre. Questi sottili segni clinici spesso vengono ignorati o ignorati, consentendo alla condizione di progredire.
  • Con il progredire della malattia, i segni clinici possono includere: • Diminuzione dell'appetito • Letargia • Febbre • Tachipnea • Aumento dello sforzo respiratorio caratterizzato da narice dilatata e aumento dello sforzo addominale Tosse e secrezione nasale bilaterale sono risultati incoerenti.
  • Perché lo screening ecografico per la diagnosi precoce è diventato una pratica di routine in alcuni allevamenti endemici per polmonite causata da R. equi (vedi sotto), la forma più frequentemente riconosciuta di R. L'infezione equi in quegli allevamenti è una forma subclinica in cui i puledri sviluppano evidenza ecografica di consolidamento o ascesso polmonare periferico senza necessariamente manifestare segni clinici.
  • Le manifestazioni extrapolmonari delle infezioni da rodococco sono comuni. Disturbi extrapolmonari possono verificarsi in concomitanza o indipendentemente dalla polmonite. Lesioni addominali (vedi necroscopia sotto) sono presenti in circa il 50% dei puledri che muoiono per infezioni causate da R. equi. Tuttavia, la maggior parte dei puledri con lesioni addominali non mostra segni clinici di malattia addominale.
  • La polisinovite è presente in circa il 25-30% dei casi con infezioni cliniche da R. equi. In alcuni puledri, la zoppia potrebbe essere il risultato di un'artrite settica o, più comunemente, di un'osteomielite causata da R. equi.
  • L'uveite non è rara e potrebbe causare blefarospasmo, secrezione oculare e cecità nei puledri gravemente colpiti.
  • Occasionalmente, R. equi può causare infezioni di una varietà di altri tessuti o organi extrapolmonari.
  • Sebbene rari, i segni clinici derivanti da un'infezione addominale da R. equi potrebbero includere febbre, diarrea, perdita di peso o ritardo della crescita e coliche.

Trasmissione

  • Inalazione di virulento R. equi è la principale via di infezione polmonare nei puledri. L'ingestione dell'organismo è un'importante via di esposizione e probabile immunizzazione, ma raramente porta a polmonite acquisita per via ematogena a meno che un puledro non abbia esposizioni multiple a un numero estremamente elevato di batteri.

Prevenzione

  • In assenza di un vaccino efficace, il controllo e la prevenzione della malattia negli allevamenti endemici per infezioni causate da R equi si sono basati sull'immunizzazione passiva e sullo screening per promuovere il riconoscimento precoce della malattia.
  • Non ci sono requisiti di isolamento per i puledri con questa malattia. Puledri con polmonite causata da R. equi perdono un numero maggiore di R. equi nelle feci rispetto ai puledri sani o ai puledri con lesioni subcliniche.
  • Pertanto, i puledri polmonari potrebbero essere un'importante fonte di contaminazione dell'ambiente con R virulento. equi ma non ci sono prove che R. equi l'infezione è contagiosa tra i puledri e l'esposizione a R virulento. equi è diffuso nell'ambiente dei puledri.
  • Quindi, attualmente nessuna pratica di gestione ambientale o misura di biosicurezza ha prove sufficienti su cui basare raccomandazioni per il controllo e la prevenzione R. polmonite equi.
  • Potenziale zoonotico R. equi può occasionalmente causare gravi infezioni polmonari o sistemiche in soggetti immunosoppressi. Infezioni con R. equi sono estremamente rari e tipicamente meno gravi negli individui immunocompetenti.
.