Un laboratorio unico per la diagnosi del cavallo

Equine Viral Arteritis, RT-qPCR - Equigerminal

Arterite virale equina, RT-qPCR

Venditore
Equigerminal
Prezzo regolare
$69.00
Prezzo di vendita
$69.00
Prezzo unitario
per 
Tasse incluse.

Test dei patogeni 

  • Questo RT-qPCR test rileva il genoma (RNA)  al virus dell'arterite virale equina (EVA).

Campione

  • 5 ml - sangue - sangue K3 EDTA
  • 10 mL - sperma - provetta sterile

Tempo di consegna

  • Da 2 a 5 giorni lavorativi

 

Cos'è l'arterite virale equina?

  • L'arterite virale equina (EVA) è una malattia virale degli equidi economicamente importante.
  • Gli stalloni possono diventare portatori a lungo termine del virus e trasmetterlo durante la riproduzione. Sebbene gli stalloni portatori possano essere allevati se si prendono precauzioni, la necessità di accoppiarli con fattrici sieropositive o vaccinate diminuisce la loro desiderabilità come allevatori.
  • La malattia acuta si verifica anche in alcuni cavalli. Sebbene i decessi siano molto rari negli adulti sani, le cavalle gravide che vengono infettate possono abortire e i puledri molto giovani possono morire di polmonite fulminante ed enterite. L'arterite virale equina è recentemente aumentata di prevalenza, probabilmente a causa dell'aumento del trasporto di cavalli e sperma.

Segnali clinici

  • La maggior parte delle infezioni da EAV, in particolare quelle che si verificano in cavalle allevate con portatrici a lungo termine, sono asintomatiche.
  • I segni clinici sono generalmente più gravi negli animali vecchi o molto giovani e nei cavalli immunocompromessi o in cattive condizioni.
  • Infezioni fulminanti con polmonite interstiziale grave e/o enterite possono essere osservate nei puledri fino a pochi mesi di età.
  • La malattia sistemica si verifica anche in alcuni adulti. Nei cavalli adulti, i segni clinici possono includere febbre, depressione, anoressia, edema degli arti (in particolare degli arti posteriori) ed edema dipendente del prepuzio, dello scroto, della ghiandola mammaria e/o della parete del corpo ventrale.
  • Si possono osservare anche congiuntivite, fotofobia, edema periorbitale o sopraorbitale e rinite.
  • Aborti o nati morti possono verificarsi in cavalle gravide quando vengono esposte. Gli aborti non sono necessariamente preceduti da segni sistemici.
  • Durante la fase acuta della malattia, negli stalloni possono essere osservate diminuzioni temporanee della fertilità, inclusa una ridotta qualità dello sperma e una diminuzione della libido.

Trasmissione

  • Il virus dell'arterite equina (EAV) può essere trasmesso per via respiratoria e venerea.
  • I cavalli colpiti in modo acuto espellono il virus nelle secrezioni respiratorie; la trasmissione di aerosol è comune quando i cavalli vengono radunati in ippodromi, vendite, spettacoli e altri eventi.
  • Questo virus è stato trovato anche nelle urine e nelle feci durante la fase acuta.
  • Si verifica nel tratto riproduttivo di fattrici con infezione acuta e stalloni con infezione acuta e cronica.
  • Nelle cavalle, l'EAV può essere trovato nelle secrezioni vaginali e uterine, nonché nell'ovaio e nell'ovidotto, per un breve periodo dopo l'infezione.
  • Le fattrici infette in tarda gravidanza possono dare alla luce puledri infetti.
  • Gli stalloni perdono sperma e possono trasportare il virus per anni. La trasmissione da stalloni può avvenire per servizio naturale o per inseminazione artificiale.
  • Alcuni portatori potrebbero eventualmente eliminare l'infezione.
  • Non sono stati riportati veri stati di portatore in fattrici, castroni o puledri sessualmente immaturi; tuttavia, l'EAV può occasionalmente essere trovato per un massimo di sei mesi nel tratto riproduttivo dei puledri prepuberi più anziani.
  • Il virus dell'arterite equina può essere trasmesso su fomiti, comprese le apparecchiature, e può essere diffuso meccanicamente da esseri umani o animali.
  • Lo sperma rimane infetto dopo il congelamento.

Prevenzione

  • I cavalli con infezione acuta devono essere isolati per prevenire la trasmissione nelle secrezioni e nelle escrezioni.
  • Dovrebbero essere prese precauzioni anche per evitare la diffusione del virus sui fomiti.
  • EAV è prontamente inattivato da detergenti, comuni disinfettanti e solventi lipidici.
  • Non è disponibile alcun trattamento specifico; tuttavia, la maggior parte dei cavalli sani, diversi dai giovani puledri, guariscono da soli
  • Nei casi gravi dovrebbe essere utilizzato un buon trattamento infermieristico e sintomatico.
  • La vaccinazione può anche aiutare a contenere i focolai.
  • La trasmissione venerea può essere controllata da una buona gestione e vaccinazione.
  • Per proteggere le cavalle gravide dall'aborto, dovrebbero essere separate dagli altri cavalli e mantenute in piccoli gruppi in base alle date previste per il parto.
  • I cavalli di nuova acquisizione devono essere isolati per 3-4 settimane.
  • Sembra che la vaccinazione impedisca agli stalloni non infetti di diventare portatori a lungo termine.
  • Gli stalloni non portatori dovrebbero essere vaccinati prima dell'inizio della stagione riproduttiva.
  • I puledri prepuberi vengono vaccinati quando hanno 6-12 mesi.
  • Gli stalloni portatori sono identificati e allevati solo da fattrici ben vaccinate o naturalmente sieropositive.
  • Allo stesso modo, lo sperma che contiene EAV dovrebbe essere utilizzato solo in queste cavalle.
  • Poiché i vaccini per la prima volta possono rilasciare virus di campo per un breve periodo dopo l'esposizione, queste cavalle dovrebbero essere isolate da cavalli sieronegativi, in particolare cavalle gravide, per tre settimane dopo la riproduzione.
  • Le fattrici naturalmente infette e quelle che non vengono vaccinate per la prima volta vengono isolate per 24-48 ore, per proteggere gli altri cavalli dai virus presenti nello sperma.
  • Gli stalloni portatori dovrebbero essere alloggiati dove possono essere fisicamente separati dai cavalli non infetti; in un caso, gli stalloni sono stati apparentemente infettati dall'esposizione indiretta allo sperma. Tuttavia, questo sembra essere raro.
  • EAV è sensibile alla luce solare e alla bassa umidità e gli stalloni non infetti sono stati tenuti vicino ai portatori per anni senza infezioni.
  • Un'eccellente igiene e decontaminazione dei fomiti devono essere praticate durante l'allevamento di cavalli infetti o la raccolta dello sperma.
.