Un laboratorio unico per la diagnosi del cavallo

Equine Encephalosis Virus, RT-qPCR - Equigerminal

Virus dell'encefalosi equina, RT-qPCR

Venditore
Equigerminal
Prezzo regolare
$69.00
Prezzo di vendita
$69.00
Prezzo unitario
per 
Tasse incluse.

Test dei patogeni 

  • Il RT-qPCR test rileva il genoma (RNA)  di Virus dell'encefalosi equina (EEV).

Campione

  • 5 ml - sangue - provetta K3 EDTA
  • 5mL - liquore (CSF) - provetta sterile

Tempo di consegna

  • Da 2 a 5 giorni lavorativi

 

Cos'è il virus dell'encefalosi equina?

  • L'encefalosi equina (EE) è una malattia febbrile non contagiosa degli equini trasmessa da artropodi.
  • Il virus causale, Virus dell'encefalosi equina (EEV), ha diversi sierotipi (EEV1-EEV7) e il virus è stato segnalato dall'Africa meridionale, inclusi Kenya, Botswana e Sud Africa.

Segnali clinici

  • Il nome encefalosi equina è fuorviante in quanto la malattia non è principalmente un disturbo neurologico. Sebbene la maggior parte delle infezioni determini solo segni clinici lievi, nei casi più gravi i segni clinici includono un breve periodo (in genere da due a cinque giorni) di febbre fluttuante, accompagnato da vari gradi di inappetenza.  Anche le frequenze cardiache e respiratorie elevate sono comuni e, occasionalmente, a causa della congestione nasale, si può osservare una colorazione rosso-marrone delle membrane mucose.

     

  • Anche se rari, possono verificarsi segni clinici più gravi tra cui gonfiore del viso (labbra e palpebre), distress respiratorio ed emorragie petecchiali della congiuntiva. Anche le cavalle gravide possono abortire durante i primi 5 mesi di gestazione.

  • I segni neurologici sono atipici, ma in alcuni casi sono stati riportati atassia del quarto posteriore, convulsioni, ipereccitabilità e depressione . Il tasso di mortalità è normalmente basso, rappresentando solo il 5% degli animali infetti.

Trasmissione

  • EEV è trasmesso da Culicoides spp. Tutti gli equidi possono essere infetti, ma solo i cavalli mostrano sintomi.
  • Evidenze sierologiche nei paesi endemici indicano che zebre e asini potrebbero mantenere la circolazione di EEV; tuttavia, il loro vero ruolo nella trasmissione è ancora sconosciuto

Prevenzione

  • Nella stragrande maggioranza dei casi (c. 90%) l'animale si riprenderà senza ulteriori complicazioni e può essere somministrato un ciclo di antinfiammatori o stimolanti dell'appetito.

  • Occasionalmente, vengono prescritti antibiotici per prevenire la comparsa di infezioni secondarie. Alcuni equidi non mostrano alcun segno clinico ma sono biliari portatori. Sebbene in questo caso l'animale non sia in pericolo immediato, deve essere trattato per prevenire il riemergere del virus nel caso in cui il sistema immunitario  fosse sfidato da un'altra malattia contemporaneamente.

  • A causa dell'assenza di un vaccino efficace, il controllo del vettore rimane uno dei principali metodi di prevenzione. Il controllo dei moscerini è di solito istigato solo per i cavalli da stalla addomesticati e include misure precauzionali come l'uso limitato di luci di notte, nonché l'uso di repellenti per mosche e ventilatori.