Un laboratorio unico per la diagnosi del cavallo

Equine Coital Exanthema, qPCR - Equigerminal

Esantema coitale equino, qPCR

Venditore
Equigerminal
Prezzo regolare
$62.00
Prezzo di vendita
$62.00
Prezzo unitario
per 
Tasse incluse.

Test dei patogeni 

  • Il test qPCR rileva il genoma (DNA) di  Herpesvirus equino di tipo 3 (EHV-3), il patogeno responsabile dell'esantema coitale equino.

  • Il rilevamento molecolare di EHV-3 mediante PCR è lo strumento più sensibile, specifico e accurato per valutare l'infettività di un cavallo affetto

Campione

  • 5 ml - sangue - provetta K3 EDTA
  • 1 tampone genitale - tampone asciutto
  • 20 gr - tessuto placentare o fetale - pallone sterile

Tempo di consegna

  • Da 2 a 5 giorni lavorativi

 

Cos'è l'esantema coitale equino?

  •  L'herpesvirus equino di tipo 3 (EHV-3) provoca esantema coitale, un'infezione genitale contagiosa (vulva nelle cavalle, pene e scroto negli stalloni), a diffusione venerea e caratterizzata da numerosi piccole vesciche o macchie, a volte chiamate 'il vaiolo'.

Segnali clinici

  • La presentazione clinica dell'esantema coitale equino (ECE) è caratterizzata dalla presenza di lesioni superficiali sulla cute dei genitali esterni di cavalle o stalloni. L'andamento di ciascuna lesione cutanea segue un decorso ben definito e prevedibile.

Trasmissione

  • L'infezione da EHV-3 si verifica per contatto cutaneo diretto durante l'atto del coito o per trasferimento di secrezioni contenenti virus da oggetti contaminati, come mani, guanti, strumenti, maniche della palpazione, spugne e labbra o naso di cavallo.
  • Il virus si trasmette facilmente per semplice contatto con la pelle; la superficie dell'epidermide non deve essere danneggiata per stabilire l'infezione.

Prevenzione

  • Non esiste un vaccino commerciale contro EHV-3.
  • Dovrebbe essere implementato un rigoroso codice di condotta all'interno dei capannoni da riproduzione a seguito dell'osservazione di un caso di ECE.
  • Le tre priorità necessarie per il successo del controllo ECE sono:
  • Cessazione dell'allevamento di animali clinicamente colpiti;
  • Accresciuta vigilanza da parte del personale per il riconoscimento precoce di nuovi casi clinici;
  • Rispettare rigorosamente le procedure igieniche del capannone di allevamento progettate per eliminare la trasmissione meccanica del virus.