Un laboratorio unico per la diagnosi del cavallo

Contagious Equine Metritis Organism - CEMO,  7d culture - Equigerminal

Organismo di metrite equina contagiosa - CEMO, cultura 7d

Venditore
Equigerminal
Prezzo regolare
$102.00
Prezzo di vendita
$102.00
Prezzo unitario
per 
Tasse incluse.

Test dei patogeni

  • Il test colturale rileva la presenza di Taylorella equigenitalisil la maggior parte dei batteri di comum responsabili della   Metrite equina contagiosa.

Campione

  • 3 tamponi genitali - tampone trasporto Amies con carbone.
  • Fossa clitoridea – utilizzare tampone standard con coltura e sistema di trasporto di Amies
  • Seni clitoridea tamponati – utilizzare il sistema di coltura e trasporto Minitip Amies. Le aperture per i seni sono sul dorso del clitoride - quello centrale è solitamente sempre presente mentre i seni laterali possono essere multipli o non essere presenti. Tampona tutti i presenti.
  • O cervicale (cervice chiusa se incinta o a metà ciclo) o endometriale (mentre in estro o vero anestrus) tampone – utilizzare un tampone protetto da 25”.

 

NOTA: pianificare tutte le richieste di colture CEM in anticipo con il laboratorio. Spesso sono necessarie più istanze di cultura e la tempistica è fondamentale. I test CEM ufficiali generalmente coinvolgono più set di campioni prelevati in più giorni. I programmi di campionamento esatti devono essere confermati con le agenzie di regolamentazione appropriate prima del test. I cavalli non possono essere testati durante il trattamento e per un periodo di tempo dopo il trattamento con antibiotici.

Tempo di consegna

  • 7 giorni lavorativi

 

Cos'è la metrite equina contagiosa?

  • La metrite equina contagiosa è una malattia infiammatoria del tratto riproduttivo prossimale e distale della cavalla causata da Taylorella equigenitalis, che di solito provoca infertilità temporanea. È un'infezione non sistemica, i cui effetti sono limitati al tratto riproduttivo della cavalla.

Segnali clinici

  • Quando presenti, i segni clinici generali comprendono endometrite, cervicite e vaginite di gravità variabile e perdite vaginali mucopurulente da leggere a abbondanti.

Nelle cavalle ci sono due stati di infezione:

  • Lo stato attivo in cui il principale segno esteriore è una secrezione vulvare, che può variare da molto lieve a estremamente abbondante.
  • Lo stato del portatore in cui non ci sono segni esteriori di infezione. Tuttavia, la cavalla rimane in grado di trasmettere l'infezione perché i batteri si insediano sulla superficie del clitoride, della fossa clitoridea e dei seni paranasali e, in caso di polmonite e  P. aeruginosa, a volte nell'uretra e nella vescica.

In stalloni: ("stallone" significa stalloni da accoppiamento, teaser e stalloni usati per l'IA)

  • Gli stalloni infetti di solito non mostrano segni clinici di infezione ma i batteri sono presenti sul loro pene, guaina e. Questi stalloni possono infettare le fattrici durante l'accoppiamento, la presa in giro o l'IA.
  • Occasionalmente, i batteri possono invadere le ghiandole sessuali dello stallone, provocando la contaminazione del seme da parte di pus e batteri.

Trasmissione

  • Il contatto venereo diretto durante l'accoppiamento naturale presenta il rischio più elevato di trasmissione di equigenitalis da uno stallone contaminato o da una cavalla infetta.
  • La trasmissione venerea diretta può avvenire anche mediante inseminazione artificiale utilizzando seme infetto crudo, refrigerato ed eventualmente congelato.
  • Indirettamente, l'infezione può essere acquisita attraverso la trasmissione di fomiti, la contaminazione manuale, l'inadeguata osservanza di adeguate misure di biosicurezza al momento della riproduzione e presso i centri di raccolta dello sperma. Gli stalloni possono diventare portatori asintomatici di equigenitalis.
  • Le principali sedi di colonizzazione da parte del batterio sono le membrane urogenitali (fossa uretrale, seno uretrale, uretra terminale e guaina peniena)

Le sedi di persistenza dell' equigenitale nella maggior parte delle cavalle portatrici sono i seni clitoridei e la fossa e raramente l'utero.

  • Anche i puledri nati da fattrici portatrici possono diventare portatori.
  • L'organismo può infettare specie di equidi diverse dai cavalli, ad es. asini.

Prevenzione

  • Se si sospetta un'infezione da equigenitalis in qualsiasi cavalla, stallone o teaser sulla base dei segni clinici, tutte le attività riproduttive devono cessare immediatamente .
  • Il/i cavallo/i interessato/i deve/i essere isolato/i e sottoposto a tampone dal veterinario curante.
  • Disporre il tampone di qualsiasi cavallo a rischio.
  • Disinfetta tutte le apparecchiature utilizzate per le procedure di riproduzione.
  • Informare tutti i proprietari di fattrici prenotate allo stallone, comprese quelle che hanno già lasciato i locali;
  • Informare le persone a cui è stato inviato il seme dello stallone;
  • Fai in modo che una cannuccia da ogni eiaculato di sperma conservato di stalloni infetti ea rischio venga testata da un laboratorio. Se una cannuccia di un eiaculato viene infettata, tutte le cannucce di quell'eiaculato devono essere distrutte;
  • Qualsiasi cavalla gravida a rischio deve essere partorita in isolamento. La placenta deve essere incenerita. I puledri nati da queste fattrici devono essere tamponati tre volte, ad intervalli non inferiori a sette giorni, prima dei tre mesi di età.
  • Qualsiasi cavalla con un essudato vaginale anomalo, o che ritorna prematuramente in estro, deve essere esaminata e gestita come se fosse stata infettata da  equigenitale fino ai risultati dei test di laboratorio dimostrare il contrario.
  • Se vengono rilevati portatori di equigenitali , l'organismo può essere eliminato mediante trattamento con antibiotici sistemici e/o locali combinati con lavaggio antisettico delle sedi di persistenza nella cavalla e nello stallone.
    .